Cloud server

Guide informative

Cloud computing

Cloud computing

Un nuovo modello informatico che ha la ‘testa fra le nuvole’ ma i piedi ben saldi per terra, questo è il cloud computing, un'architettura innovativa di servizi IT che permette l’utilizzo di risorse hardware e software distribuite in remoto ed accessibili direttamente on-line per via telematica.

Un servizio di outsourcing informatico innovativo che sta riscuotendo sempre maggior interesse da parte di singoli privati, aziende, enti pubblici ed organizzazioni di tutto il mondo.

Il cloud computing (il termine cloud, in inglese‚ 'nuvola‛, riprende l’immagine con cui si usa rappresentare Internet nei diagrammi di rete) permette di concentrare in grandi data center le proprie risorse informatiche, di qualsiasi dimensione esse siano, per poi accedervi facilmente quando si vogliono compiere tutte le operazioni di elaborazione dati necessarie.

Grid computing

Grid computing

Il termine Grid computing descrive un sistema di elaborazione dati formato da un insieme di più server dedicati che, collegati tra loro, lavorano tutti per il raggiungimento di un unico obiettivo.

Questo tipo d’infrastruttura viene utilizzato per la gestione di complesse attività di analisi e calcolo oltre che per la condivisione di notevoli quantità di dati.

Un elemento molto importante, che da corpo ad un’architettura di grid computing, è la Virtual Organization (VO).

Hosting cloud

Hosting cloud

Il termine ‘hosting cloud’ descrive un modello di hosting ad alta affidabilità nel quale un numero determinato di siti web viene ospitato all’interno di un sistema di più server in cluster collegati alla rete e ridondati tra loro.

Si tratta di un servizio innovativo, da considerare come l’evoluzione del classico shared hosting (o hosting condiviso) che prevede invece il salvataggio di un sito web all’interno di una partizione dedicata di un unico server dedicato.

Cloud server

Cloud server

I servizi IaaS di cloud computing permettono all’utente di usufruire di risorse di calcolo ed applicazioni allocate all’interno di server accessibili in remoto via Internet.

Questi cloud server altro non sono che l’immagine virtuale di veri e propri server situati all'interno di un insieme (cluster) di server fisici ed amministrati centralmente dal provider dei servizi di cloud.

Si tratta, più nello specifico, di macchine allocate in cluster, caratterizzate da ampie capacità di storage, che possono essere utilizzate per ospitare applicazioni, dati e siti web anche di notevoli dimensioni.

Cloud storage

Server storage

Il termine cloud storage indica la possibilità di archiviare dati su server remoti forniti al cliente da provider specializzati.

Il cloud storage rappresenta la soluzione ideale per tutte le aziende ed i privati che ogni giorno si trovano a produrre e gestire enormi quantità di dati di qualsiasi tipo.

Esso permette infatti di acquistare o affittare tutto lo spazio di cui si necessita per l’archiviazione di questi dati all’interno di cluster di grandi dimensioni, perfettamente flessibili ed altamente resilienti.

Google cloud

Google apps

Le Google Apps sono una serie di applicazioni che formano il cuore dell’offerta cloud della famosa società di Mountain View.

Si tratta di strumenti per la produttività basati sulla filosofia del cloud computing: Google Calendar, Gmail, Google Talk, Google Sites, Google Docs e molti altri ancora.

Tramite Google Apps si può usufruire di un potente sistema di cloud computing che permette l’elaborazione di documenti, la condivisione di calendari, l’invio e la ricezione di posta elettronica e la comunicazione audio e video all’interno del proprio team di lavoro.

Cluster in alta affidabilità

Cluster in alta affidabilità

Quando si parla di Cluster High Availability, o cluster in alta affidabilità, s’intende un’infrastruttura hardware composta da un insieme di nodi (i singoli server che formano il cluster) e configurata in modo tale che ad operare sia solo uno di questi nodi, mentre gli altri rimangono pronti ad essere attivati solo in caso di failover del primo.

Per garantire ciò, tutti i nodi del Cluster High Availability sono completamente ridondati e tenuti sempre in contatto tra loro mediante specifici segnali, cosicché appena uno di essi smette di funzionare correttamente viene messo da parte ed istantaneamente sostituito da un secondo.

Xen Hypervisor

Xen Hypervisor

XEN è un sistema di cloud computing nato negli anni ’90 presso l’Università di Cambridge e rilasciato nel 2002 con licenza open source (GPL).

Attualmente XEN è una delle più importanti piattaforme di servizi cloud presenti sul mercato, utilizzata da realtà del calibro di Amazon, Cloud.com, GoGrid nonchè da numerose università.

La sua componente principale è Xen Hypervisor, un insieme di software capaci di far funzionare contemporaneamente più sistemi operativi all’interno di un unico sistema hardware.

Office 365

Microsoft Office 365

Anche Microsoft si apre al mondo del cloud e con Office 365 lancia sul mercato un pacchetto di servizi completo, dedicato a professionisti, aziende e pubbliche amministrazioni.

Questo nuovo prodotto firmato Microsoft nasce dall’unione ‘in the cloud’ della suite Office Professional Plus con alcuni importanti software cloud quali Exchange Online, SharePoint Online e Lync Online.

Office 365 offre ai suoi clienti alti livelli di sicurezza, garantendo una continuità di lavoro del 99,9%.

Dati e file vengono infatti ospitati all’interno di data center di proprietà Microsoft, tutti dotati delle certificazioni SAS 70 e ISO 27001.

Cloud pubblico e privato

Cloud pubblico e privato

Attraverso i servizi di una piattaforma di cloud computing, un utente può accedere ad un’architettura condivisa e configurabile di risorse: server, CPU, RAM, applicazioni.

Le architetture cloud non sono però tutte uguali tra loro. Ad oggi possiamo infatti dire che l’offerta di servizi di cloud computing si basa su tre diversi modelli di cloud: pubblico, privato ed ibrido.

Cloud pubblico

Il modello pubblico prevede l’erogazione aperta e condivisa dei servizi di cloud computing ad un ampio numero di utenti.

OpenNebula

OpenNebula Sunstone

OpenNebula è una piattaforma open source di cloud computing creata per offrire servizi IaaS di ultima generazione, basati su di un singolo data-center o su cluster anche molto complessi.

Il suo software è frutto di anni di ricerca nel campo della creazione e gestione di macchine virtuali (VM).

Nato come progetto nel 2005, OpenNebula è stato rilasciato pubblicamente con licenza open source nel Marzo 2008.

Da allora, questo sistema di cloud computing ha riscontrato un notevole successo nel settore, soddisfacendo le necessità di aziende, organizzazioni e privati di tutto il mondo.

Load balancing

Load balancing

Load balancing: un aspetto importante tra i servizi di cloud computing.

La tecnologia informatica del load balancing consente di ottimizzare il bilanciamento del carico di un’ applicazione, servizio o sito web su più server.

Nell’ambito del cloud computing si tratta di un aspetto molto importante, che contribuisce a migliorare le prestazioni e l’affidabilità di una piattaforma di servizi cloud.

La redistribuzione del carico porta ad un'ottimizzazione delle performance delle proprie applicazioni e ad una razionalizzazione dell’utilizzo delle risorse hardware.

Xen Cloud Platform

Xen Cloud Platform

Da quando Xen ha lanciato la piattaforma Xen Hypervisor, il successo dei servizi di cloud computing ha portato ad una sempre maggior richiesta di questo tipo di tecnologia da parte degli utenti.

Per rispondere a questa esigenza e per non perdere il passo nei confronti di realtà importanti come VMware, Xen ha quindi presentato una nuova piattaforma chiamata Xen Cloud Platform (XCP).

XCP offre servizi di cloud computing all’avanguardia, riprendendo e sviluppando le funzionalità di Xen Hypervisor.

Amazon EC2

Amazon EC2

La compagnia statunitense Amazon propone come modello di cloud computing la piattaforma Amazon EC2 (Amazon Elastic Compute Cloud), un servizio di tipo IaaS (Infrastructure-as-a-Service) basato sulla tecnologia di virtualizzazione XEN e caratterizzato da costi competitivi e da un’ottima scalabilità.

Esso consente di utilizzare delle risorse hardware (CPU, RAM, storage, ecc.) in remoto per creare immagini virtuali di server utili alla gestione di applicazioni web, database, siti, ecc.

Il tutto pagando solo per il tempo di utilizzo effettivo, senza nessun costo d’investimento iniziale.

L’utente, dopo una semplice procedura di registrazione, può avviare una propria “istanza” in pochi minuti ed utilizzare questo "server virtuale" come meglio crede.

vSphere

vSphere

L'azienda americana VMware, una delle realtà più note nel campo del cloud computing, propone ottime soluzioni per la virtualizzazione delle strutture informatiche, di qualsiasi grandezza e complessità esse siano.

Tra i prodotti principali della società statunitense ricordiamo i commerciali VMware Workstation e VMware Fusion ed i gratuiti VMware Server e VMware player.

Punta di diamante dell’offerta VMware rimane comunque la piattaforma di cloud computing vSphere, una delle più solide e complete del settore.

Essa offre un servizio di virtualizzazione di server, storage e sistemi di rete all’interno di un’infrastruttura di tipo cloud.

Queste risorse vengono costantemente aggregate tra loro ed allocate al cliente ‘on demand’, in base alle sue necessità.

Servizi IaaS PaaS SaaS

Modelli IaaS PaaS SaaS

La maggior parte dei servizi offerti dalle aziende di cloud computing possono essere racchiusi all’interno di tre diversi modelli: servizi IaaS (Infrastructure as a Service), servizi PaaS (Platform as a Service) e servizi SaaS (Software as a Service).

Cerchiamo ora di spiegare meglio le principali caratteristiche di ciascuno di essi:

IaaS (Infrastructure as a Service)

Si tratta di un modello di hosting cloud in cui il provider mette a disposizione del cliente un’infrastruttura completa di server, router, storage, hardware e software di virtualizzazione.

I vantaggi per le aziende

I vantaggi del cloud computing

La tecnologia del cloud computing risponde perfettamente alle esigenze di competitività di aziende ed organizzazioni di tutto il mondo, alla continua ricerca di sistemi IT sempre più dinamici, efficienti ed economici.

I vantaggi che questa nuova tecnologia è in grado di offrire sono infatti molto rilevanti:

Intuitività e facilità di gestione

Grazie ad un’interfaccia creata dal fornitore del servizio, il cliente può accedere alle applicazioni e personalizzarle in maniera semplice. Queste personalizzazioni vengono mantenute anche dopo eventuali upgrade.